Ma ciao!!

Non leggete il titolo con la voce di Lodovica Comello sennò mi incazzo.
Io non so cantare, io non so parlare. Cioè, manco lei, perciò transeat.
No dai, ha una bella voce. Magari non la mattina appena alzati: “Ma ciaoooo!”
Finirebbe in un cassonetto.

Perché ho aperto questo post?! Ah, sì!!
Non lo so.
Veniamo al punto. “G”
Penso sia la battuta più scontata della storia.
Ah, no. C’è quella: “Un signore entra in un caffè: splash!”
Seguita dalla cinicissima: “Anna Frank entra in una doccia: Shoa!”
Tornando al punto G, tempo fa sono uscito con una ginecologa brasiliana.
Che già così fa ridere comunque.
Ma i commenti dei miei amici sono stati ancora più belli:
“A Fa’, dove cazzo l’hai rimorchiata una ginecologa brasiliana!?”
“Fabio aveva bisogno di una mano per trovare il punto G”
“Ti piace vincere facile, eh?! Ponci ponci ponci po’”
“Come fai ad uscire con una donna che ha visto più patate di te!?”
E via dicendo.

Oggi su wordpress, tra i miei contatti, c’era un clima dissing allucinante.
Persone che flammavano, gente incazzata. Buio.
Beh, che dirvi?! Non me ne frega un cavolo.
Wordpress serve a tutti e per tutto. Prendiamoci un po’ meno seriamente.
Sarebbe meglio se io dicessi “Io per primoooo!!” Anzi, “Io per primoooo !!11!!u!ndi!ci!!”
Ma io non mi prendo mai sul serio qui. Anche nella vita ho solo voglia di ridere. Sopravvivere, ridere e pensare. Anche se sono un permaloso del cazzo, lo confesso. Io qui ci metto faccia, nome + cognome. E non ho nessuna paura di quello che ne derivi. Con una mia ex, tra l’altro blogger qui, ed alcuni la conoscono pure, ci ho litigato in maniera fantastica per la mia voglia di gettare tutto fuori anche in maniera ben poco regale.
Quindi!? Mi ergo a paladino della trasparenza et verità!?

La risposta più consona che sento nel cuore è “fottesega”.
Fate ciò che volete, scrivete ciò che volete, siate ciò che volete.
Non tiratemi dentro a dissing, io sono limpido come un cristallo di fango.
Io dico ciò che voglio quando mi succede. Non ho bisogno di mezzucci, di commentare cose a caso. Se invento lo faccio nei racconti a puntate che puntualmente non finisco. Perché esaurisco la rabbia.
Quando invento, invento. Punto. Quando scrivo poesie da sbronzo, e credetemi succede, spesso prendono più like delle poesie sobrie. Ho postato qui sillogi dai nomi forti. “Borderline Hymns” o “Paraphilic Elegies”. A volte scrivo maldestro, ma non me ne vergogno affatto.

Non me la prendo se raccontate storie rielaborate. Anche il mio scrivere poesie rientra in qualcosa tipo “attention whore”.
Mi piace l’attenzione, i commenti, l’amicizia imperfetta da bloggers.
Ma qui mi sento a casa. E non ho mai litigato con nessuno. E vi giuro che quando postavo su facebook ho avuto atroci discussioni con poeti. Idioti. Io e loro. “Sono meglio io, sei peggio tu”. Idiota io e loro. Ognuno ha la sua storia.
Ed ognuno il metodo migliore per trasudarla.

Perché la gente empatica come me, anche quando scrivete fandonie, legge sempre il fondo. E qui ce ne sono mille. Io vi leggo tra le righe e mi diverto comunque. Siete teneri.
Accettate gli altri e prendetevi meno sul serio.
Ognuno si racconta nel modo meno spaventoso possibile. Per sé stesso.

Vi voglio bene.
Fate i buoni, porco due.

1482421162249

Annunci

21 thoughts on “Ma ciao!!”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...