16.04.17 (Aprile dolce dormire? Oggi proprio no…)

Allora!? Siete sopravvissuti al pranzo pasquale? Vi siete adeguati ad un buonosmo modernista che va tanto di moda ed avete risparmiato migliaia di agnelli, lanciandovi in un’ecatombe di conigli e maiali? Oppure avete riscoperto le buone e vecchie maniere ed avete appeso una capra al lampadario per poi sgozzarla con una katana come il vostro vicino coraneggiante?
Di tre cose sono mortalmente sicuro:
1) Avete rotto le uova trovandoci le peggio sorprese. Tipo una tessera del PD.
2) Avete frantumato le palle a tutti con gli auguri.
3) Anche per quest’anno la Pasqua ce la siamo levata dai maroni.

Non ce l’ho con nessuno in particolare per la storia degli auguri. Anzi, sì. Mi riferisco alle due persone che questa mattina mi hanno svegliato con gli auguri su whatsApp. Una alle 7.34, l’altra alle 7.46. Vi morisse il criceto di gonorrea. Io avevo silenziato tutti i gruppi, ma non è che possa ripassare tutti i contatti, uno per uno, silenziandoli. “Cioè, spegnere il tab, no!? Troppo complicato? Provi un senso di abbandono?”
Non ci avevo pensato.

Beh, per il resto la mattina aveva ripreso a scorrere nei canoni di una tranquillità frugale. Cielo blu, merli e pettirossi, venticello leggero e pace.
Fino alle 12.35. Poi, dalla corte dall’altra parte della strada e su cui danno le finestre della mia camera, sono cominciati ad arrivare rumori di guerra. Prima “auguri” urlati a 120 decibel lanciati a tutto ciò che c’era in movimento (formiche, canguri, vecchie beghine in uscita dalla chiesa e brontosauri), poi rumori di tavoli spostati ed apparecchiati all’aria aperta, e risate. Ed infine il peggio del peggio: bambini.
Ma non i bimbi di una volta, quelli che con un pallone potevi impegnare per mesi e mesi, i bambini moderni. Una decina. Ad occhio l’età spaziava da l’anno e mezzo della figlia di un amico, ai 10 anni di un paio di loro. Pensavo di aver raggiunto l’apice poiché, ad una certa, metà dei bambini piangeva e metà rideva in contemporanea. Ma dopo 10 minuti, alcuni di loro, si sono messi a tirare sassate contro una lamiera urlando:”sentite il rumore degli zoccoli dei cavalli!!!”

Cercate di immaginare. “Sdeng, Sdong, Sdong”
–“Mamma, mammaaaaaaaaaaa!!! Senti gli zoccoli dei cavalli!!!!”
Il tutto moltiplicato per 5 minuti cad bambino. Dopo 15 minuti io più che agli zoccoli dei cavalli pensavo alle zoccole delle loro mamme.
Ma il peggio è arrivato ancora dopo. Quando i bambini più piccoli sono diventati ingestibili. Ed i genitori si sono messi a fare più versi dei bambini.
Ho sentito parti cantate imbarazzanti, gorgheggi da manicomio criminale e canzoni ritmate sui tavoli a manate.
Quando è partita “Se sei felice e tu lo sai…” mi sono chiuso dentro. Vetri, persiane ed ho giocato io. Ho fatto finta di essere in un bunker sotterraneo a Berlino, dando ordini a caso, tremando e guardandomi le spalle dai russi.

Ora è tornata una pace quasi assoluta. Beh, nel mondo mica troppo. C’è qualcuno in Corea che cerca di lanciare lavatrici a caso in mare, ma non è che gli riesca benissimo. E c’è proprio oggi un altro dittatore che dopo un golpe farlocco e una bella pulizia di ogni oppositore, si sta facendo eleggere sultano assoluto. Qui, ogni tanto, parte ancora qualche “Buona Pasqua” lanciato da buontemponi ad altri buontemponi giù in strada. Io li conto e faccio le croci sul muro. Al fortunato che sgancerà il “Buona Pasqua” pomeridiano #20, arriverà in fronte una scarpa direttamente dal mio balcone.
Ora vi saluto sorridendo e vi eviterò per rispetto la solita immagine del sepolcro vuoto con la scritta: “No Maria, io esco”.
So che qualcuno ci tiene a questa festa, perciò lo rispetto. Tanto ormai la cazzata l’ho scritta. Vi voglio bene, cavolo di cattocomunisti odiosi… Ahahahaha!! E ancora auguri!! ^_^

1

Annunci

24 thoughts on “16.04.17 (Aprile dolce dormire? Oggi proprio no…)”

  1. Il NO MARIA IO ESCO l’abbiamo scritto insieme!! 😂😂 questo per farti capire che siamo due esauriti!
    Comunque prossimo mio post sarà su bambini e madri esaurite nel paesino in provincia di Asti! Odio!
    Non diventerò mai mamma mi sa!

    Mi piace

    1. Esauriti è dire poco, ma è colpa della gente comune!! Si lasciano andare ad ogni tipo di nefandezze… forse dovremmo farlo anche noi. Beh, le mamme esaurite della provincia di Asti saranno certo più pettinate di quelle di Morte Civile, dove Milano la si sente nominare a stento quasi come una creatura mitica. Quando diventerai mamma perderai ogni garbo… ^_^ e canterai “No Maria io esco” sulle note di Barry White (You Sexy Thing). “No Maria io escoooooooooo”

      Liked by 1 persona

  2. Io ho mangiato un toast un panino un caffè…..in riva al mare con fil…troooooppo bello…..e ovviamente mi sono ustionata😍😍😍

    Mi piace

  3. E a chi capita che il compleanno cada lo stesso giorno di Pasqua? Ma volete mettere gli auguri di buona Pasqua sommati a quelli di buon compleanno? Per salvarsi l’unica è stata accendere in ritardo il cellulare e poi recuperare tutte le notifiche…dopo aver cucinato e lavato stoviglie 😦 Comunque auguri!

    Liked by 1 persona

    1. Ahahahah!! Io sono nato il giorno prima di Pasqua e conosco il disagio del periodo. E’ fantastico. Soprattutto se ti chiami Agnelli. Auguri ancoraaaaa! O àncora. 🙂 Se domani qualcuno mi rompe le scatole alle 7.00 lo tuono di insulti random. 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...