21.39

E forse fuori piove.
Tra tutte le trovate che la vita ha per stupire.
Proprio la pioggia. A gelare le fate insonni.
A cancellare le lacrime e renderle inutili.

Ci sono anfratti tra la testa e la spalla
in cui il mondo si infila e poi fa fatica a respirare,
dolci rumori di legamenti strappati ad arte,
pure striature di sfregamento
e quell’attimo insonne che sa di alba e polvere da sparo.

Quando apri gli occhi e balli,
ma vorresti pensare
ad una nenia sognata che sa di foglie sotto una pioggia vigile.
Ha il sapore di sangue, sapone e cuore per assonanza.
Trivellami d’astio e di sabbia non comune
ma lascia perdere lei che strilla nel buio.

Apnea:

Rigettami come un crocifisso a cinque punte,
ma non raccontarmi di cosa sia fatta la terra che ho nel cuore.
Puro pericardio d’Asino
che non capisce l’Amore.

Annunci

15 thoughts on “21.39”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...