Mimesi

Perso
tra la meraviglia delle Seppie che cambiano colore.
E la sostanza fantasiosa delle cose nel cuore
non è mai una sentenza.

Si campa gracchiando etimologia.
Studiando schemi prodotti per farti stare in silenzio.
E gli scoppi di luce sulle ali della Vespe
rimandano a rime esterrefatte.

Cerco un cicaleggio leggero e sere di un Marzo blu come le onde.
Catalessi estemporanea della testa che non pensa
e di un cuore che prende la rincorsa.
La vita tra i Papaveri scompigliati nei campi
da un vento felice che pare semina.

papav
(Immagine presa in rete)

Annunci

5 thoughts on “Mimesi”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...