#OldSchool. Acqua ambrata.

(Stasera vi riporto una Poesia parecchio datata. Dieci anni fa circa. E’ una delle pochissime che abbia scritto con una struttura particolare, a cerchio.
Aperta. Chiusa. Ridondante.
A voi! A dopo cena! Stasera pizza… la mia solita disagiatissima “tropical pizza” senza pomodoro, con ananas e cose a caso. Delizia per palati ignobili. Ahahahah! E buona cena a voi pure. ❤ )

In una pozza poco profonda di acqua ambrata
passo silente la giornata,
specchiandomi.

Meno quattro ore alla notte.
Profumo di rose a roseti lontani.
La brama mi cresce dentro
come appetito ferino,
istinto e un fascio di rovi e nervi
nient’altro ora sono.

Fame.
Famelico amore selvatico.
Fate.
Fatemi smettere vi prego.

La vista si fa diversa
sento profumi materiali
già li tocco e son dissimili
come gli odori animali.

Sale da dentro un ruggito indistinto.
Sebbene inizi fievole
è poi un vulcano che erutta.
Un’onda di tempesta che trasmuta e cresce
ed il rumore tutto ora copre.

La realtà se ne va.
La bestia è già fuori dalla gabbia.
Che inizi la caccia all’amore perduto.

Ed al primo morso mostruoso
scivola via di dosso
la purezza mia decadente.
Che si raccoglie immediatamente
in una pozza poco profonda di acqua ambrata.

Annunci

4 thoughts on “#OldSchool. Acqua ambrata.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...