Zeon

Luci aranciate tra la testa e lo stomaco.
Si stagliano nette tra una paranza di foglie erbivore.
Mi autodigerisce il pensiero secco superbo.
Chimica di vene intasate e di neuroni copula maldestra.
Pace rallentata che scorre in retro.
Godersi un ictus verde di pensieri rende poi rotti.
É come subire decelerazioni da rientro spaziale.

Tremano i denti,
trema il colon.
Il cuore mi si allarga alla luce dei tubi sfarfallanti
che ormai bruciano i pensieri.
Zeon.

Picture: Tuula Helperi

Un pensiero su “Zeon”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...