Childlike visions

Perdona i miei sogni.
Rotti. Come giocattoli economici.
Topi persi.
Nella fame, nella foga, nello struggersi per riprodursi.
Pericolosi.
Nei canali che ho tra il costato
solo chincaglieria da 4 soldi.

Ogni alba costa cara.
Caviglie avvolte da rose rampicanti arancioni.
Una fiaba maldestra strappata e strana
nella prima luce che sloga il buio lunare.

Carcasse secche di riccio,
castelli per formiche fameliche,
rotolano sull’erba bagnata.
Ritmando secchi scoppi di pelle che si spacca.

Apnea

L’erba si riflette nel cielo cambiando colore agli spazi. Di quanti respiri non immaginiamo nemmeno l’esistenza e l’intento? Tutto ormai è solo un “punto di vista”. La verità è morta per la vergogna di essere stata sepolta viva. Le storpiature dei pensieri torbidi partoriscono verruche carnose che schiumano criptici alfabeti di rabbia. E la gioia più elementare è ormai un’ombra che ha cambiato orbita.
Dai cieli notturni, sopraffatti dalle luci artificiali, gronda solo sabbia arancione.

Scuote la Musa con un urlo improvviso il caprimulgo la sera.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...