Info

Ma ciao! Com’è ?!
Qui potrete trovare una buona parte di me stesso.
Giusto! Ma io chi sono ?!
Mi lascio intervistare, così da farmi conoscere meglio. O peggio. Ai posteri…

Intervistatore – “Buongiorno. La mia prima curiosità è in merito al tuo strano nome.”
Fab.:”Quello del blog, intendi. Ok. Credo che l'”essere umani” sia un concetto dato per scontato. Io lo sono, nella buona e nella cattiva sorte. Nel meglio e nel peggio. Io sono io. Ecco. Umano. Fallace.

Int. – “So che non ami dire di te, ma poiché scriverai davanti a tutti e toccherà interpretare, vorrei conoscerti un po’ meglio. Raccontati.”
Fab.:”Io amo dire di me. Sono umano, no ?! Sono di Milano, anno 1973. Lambrate. Ho passato la mia infanzia con Nonna Lina. Ho giocato per strada: macchinine, pallone e bici. A scuola dalle suore. Ho imparato a cavarmela presto. Per forza. Grinta e rapidità”

Int. -“Segni particolari?”
Fab.:”Un ariete particolare. 🙂 Sono un blogger schivo, un po’ orso. Mi piacciono le cose d’impatto, i colpi inaspettati da “tutto o niente”. In tutto. Mi piace il calore intorno. Ridere, prendere in giro, scrivere. Un orso futurista.”

Int. –”Tre desideri da esprimere al Genio della Lampada.”
Fab.:”Ok. Vorrei avere a disposizione tutto lo scibile. Fine. Da cosa nasce cosa. Avrei tutto. Con gli altri due desideri posso accontentare altre due persone ?”
Int. -“Solo se li esprimi tu per loro”
Fab.:”Allora ci penso e poi ti dico, Genio. Affare fatto.”

Int. –”Caratterialmente come ti definiresti?”
Fab.:”Aperto e chiuso insieme. Testardo. Generoso. Leale. Romantico. Sognatore.”

Int. Arduo compito! Potresti descriverti fisicamente?
Fab.:”Una foto c’è qui sotto. Mi piace apparire da fuori, ciò sono dentro. Me stesso. Sono una persona vera. Non posso lamentarmi, comunque, anzi !”

Int.-“Pensando al blog, mi vien da chiedere quale sia il ruolo di questo spazio, di cosa parlerai, a chi sei diretto.”
Fab.:”‘Scolta. Questo spazio è mio. Scrivo per me stesso. Non cerco compagnia. Sono diretto a chiunque vorrà leggermi. In maniera disinteressata. Parlerò di me, comunque. Declinando il tutto sotto forma di poesia, racconti, aforismi, battute… un po’ tutto quanto.

Int.-“Bene. Col tempo, vedrò se saprai essere all’ altezza del tuo compito.
Tornando a te, in attesa di scoprirti pian piano attraverso i tuoi post, ti chiedo: se Fabio fosse un albero, che albero sarebbe?”
Fab.:”Un Ailanto.”

Int.–” Se fosse un cibo?”
Fab.:”Ostriche. Ok, sono vegetariano, ma alle Ostriche non direi mai di no”

Int.–”Un astro?”
Fab.:”1P/Halley”

Int.-“E se fosse un libro?”
Fab.:”Stagioni Diverse di S.King”

Int.-“Un genere musicale?”
Fab.:”Indie Rock”

Int.-“Mentre se fosse un elemento?”
Fab.:”L’Azoto. Ma pronunciato in spagnolo”

Int.-“Riferimento mitologico?”
Fab.:”L’Angelo caduto”

Int– “E se fosse un fiore?”
Fab.:”Papavero”

Int- “Un colore?”
Fab.:”Il nero”

Int.-“Ma se fossi un animale, sarebbe?”
Fab.:”Un Cavallo”

Per ora mi fermo qui, poi magari aggiungerò qualcosa.
Buona lettura.
Fabio.

IMG_2227

61 thoughts on “Info”

  1. Ciao, Fabian, anche a me piace il bianco e nero: posso, con la fantasia e l’ emozione colorarlo, se voglio
    La poesia e la musica sono le colonne della mia vita ma non disdegno neanche il cinema ,soprattutto Western,
    Una bella presentazione, interessante e sobria
    Baci
    Mistral

    Liked by 1 persona

    1. ^_^ E’ quell’albero che cresce dappertutto, anche in città. Quello che tagli, azzoppi, ma ricresce sempre. Ne ho uno da quando avevo 10 anni. Ha subito tanti traslochi, ma è sempre con me. In inverno perde tutte le foglie odorose, ed in primavera mi regala rami nuovi. Gli voglio bene. Tra l’altro è elegante.

      Liked by 2 people

      1. Essere cresciuta sotto un ailanto e non saperlo…ce ne era uno gigante nell’immenso giardino condominiale dove giocavamo da piccoli…è in tutte le mie foto dell’infanzia, ne ricordo una in particolare dove da espertissime “ottenne” imbocco mia sorella che doveva avere un anno o poco più, sedute a gambe incrociate sotto l’ailanto (ora lo dirò sempre) tenendo in braccio un’intera vaschetta rotonda di gelato al fiordilatte dell’Antica Gelateria del Corso con tutti gli altri bambini intorno…miiii….che ricordi!!!Grazie Fà, ce sò voluti quasi 30 anni, ma grazie a te finalmente quell’albero ha un nome!!!

        Liked by 2 people

      2. No, vabbè…non esageriamo…solo perchè c’è la foto a testimoniarlo…in quel periodo fosse stato per me sarei andata avanti a Fior di Fragola e Calippo alla Coca Cola…

        Liked by 1 persona

      3. Uhhhh ! Il fior di Fragola me lo ricordo ! Buono ! Il Calippo non mi ha mai conquistato. Mi piaceva il cornetto al Whisky ed il ghiacciolo arcobaleno. Poi il Cucciolone ed il Camillino. Insomma, a parte il Calippo un po’ tutti ! Ahahahaha!! Un bambino ciccione…

        Mi piace

      4. Lo sai che a parte il Cucciolone non ne conosco uno di quelli che hai nominato…e il cucciolone lo odiavo per via dello zabaglione…a parte i ghiaccioli amavo la Coppa del Nonno e la Coppa dei Campioni…non ero una bambina cicciona, ma golosa da morire…non che le cose siano poi tanto cambiate a dire il vero… XD

        Liked by 1 persona

      5. Ecco… così mi fai sentire vecchio ! Per fortuna non sono ciccione. Non mangio un gelato da Agosto. Tempo di rimettersi a correre e di concedersi gelati. Anche io sono goloso, ma in regime di dieta perenne. Lo Zabaglione nel Cucciolone era la mia parte preferita ! Ahahahahah !!

        Liked by 1 persona

      6. Ma che scherzi? Apparteniamo alla stessa generazione…piuttosto sarà una diversità di gelati regionale XD Non sono cicciona, anzi, di solito sottopeso e con una sorella dietista sarebbe difficile esserlo (mi impedisce di fare la scarpetta con l’olio delle polpette per dirne una), ma della dieta me ne frego alla grande, salvo poi chiudermi in casa con la mia amica cyclette se vedo sporgere un filo di pancetta XD Comunque, mannaggia, fossi stato mio amico da piccolo sai le parti di zabaglione che ti avrei ammollato!!! XDDD

        Liked by 1 persona

      7. Ahahahahah !! Fantastico. Sarei stato più ciccione di quello che ero. Certo che una sorella dietista…. e che cavolo ! Comunque la scarpetta lasciala a Cenerentola. Io con la cyclette non ho un bel rapporto. Preferisco macinare miglia a spasso. Quando torno a casa, lo scrivere ed il buttare fuori a passo svelto, aiutano un bel po’. Il lavoro mi carica di adrenalina, ma che spesso non si annulla da sola. 😉

        Liked by 1 persona

      8. Sì anche a me piace camminare, ma mi distraggo facilmente…mi piaceva di più correre, ma ahimè sono asmatica e ho dovuto smettere…scrivere è uno sfogo e aiuta, vero…la cyclette è comoda perchè mi fa recuperare tutte le serie tv e la fatica la sento di meno XD

        Liked by 1 persona

      9. Io con la musica nelle orecchie in 4 ore mi sparo 20 km. 🙂 E’ bello. Ero asmatico anche io da cucciolo. Ho ricordi brutti. Naso e bocca chiusi. Dalle orecchie non si respira.
        Ora no. 🙂 Ho smesso anche con la Rina… Era questione mentale. L’ho vinta. :p

        Liked by 1 persona

      10. Grande!!! Non credo la mia sia questione mentale, ma c’è chi dice che la corsa migliori anziché peggiorare alla lunga…Bho…in ogni caso preferisco la bici, ma qui mi servirebbe come minimo una mountain bike…che non ho…per cui bici al mare con la musica e i tramonti…e a Roma cyclette e serie tv 😝

        Liked by 1 persona

      11. Sai ? Odio le dipendenze, che non siano “di cuore”. Quelle ci vogliono. La mountain è mortalmente scomoda ! Ne ho una bella, ma in box a dormire :p . Prima o poi la tirerò fuori. Sarà un castigo all’inizio. Nonostante qui sia tutto piatto e semplice per le due ruote. In piena pianura padana, un cavalcavia è un’eccezione ! Musica e tramonti, con il mare per giunta. Penso possano essere una medicina moooolto valida ! 😀

        Liked by 1 persona

      12. Sì, la migliore per me…é il mio piccolo paradiso quel posto lì…pensa che c’è anche un’isola sullo sfondo…é dietro di lei che va a nascondersi il sole…cmq fossi in te Milano la girerei sempre in bici e metro, vero che a traffico state un pelino meglio di Roma, ma vuoi mettere quanto é meglio girare in bici???…sì,devi decisamente tirarla fuori quella mountain bike!

        Liked by 1 persona

      13. Sono nato a Milano e ci ho abitato per anni. Ti assicuro (avendo abitato per qualche mese a Roma) che con il traffico stiamo messi peggio. Io mi muovo con i mezzi e con le scarpe :p . Alla mountain ci penserò in Primavera. Dai, ora è epoca di perdersi nella nebbia e di correre. Comincio da qui !

        Liked by 1 persona

      14. Effettivamente… dal 2010. 🙂 By the way, I can speak a proper English, mais je préfère Français. Ocio, non lo parlo quasi per nulla, ma quando mi rotola in bocca mi rende felice. E’ morbido e raffinato. ^_^ Lo sto studiando. A cacchio, ma è già qualcosa.

        Liked by 1 persona

      15. Ahahahah beato te! Io parlo solo romanaccio e calabrese…il mio inglese é pessimo, but i understand it, always thank to tv series that i watch only in original language…because the translation usually lost the funniest and best dialogues…che non so in francese ma dalle mie parti si dice che in italiano fanno cagare!!! 😄😄😄

        Liked by 1 persona

      16. Ahahahahah !!! Sai ? L’umorismo è davvero diverso nelle altre lingue ! Il 90% delle traduzioni perde un sacco. Io ho un umorismo americano, che è un’evoluzione un po’ corrotta di quello Inglese. Vabbè, non mi capisce quasi nessuno. Io rido il doppio. Non lo saprei manco io in Francese. A parte ordinare la pappa senza che mi guardino come un marziano, sto studiando al livello di “le livre est sur la table”. Ce la farò a leggere un libro in Francese prima o poi ! Fosse anche Peppa Pig… Ahahahah !!

        Liked by 1 persona

      17. Anche io sono contenta, ora i tuoi followers hanno un’altra intervista sotto l’intervista se vogliono saperne di più su di te… Sport praticati, gusti di gelato dell’infanzia, valvole di sfogo, lingue parlate e strane perversioni su youtube😁!!! Vuoi mettere? E tutto grazie alla “sola” domanda sull’ailanto! 😂😂😂

        Liked by 1 persona

      18. Manco io…é la prima e penso anche ultima volta che ne aprirò uno…anche se scrivo da sempre su qualsiasi cosa trovi a portata di mano, ma non avrei mai pensato di condividere ciò che scrivo…é una cosa nuova per me…mi piace molto leggere i post degli altri, però! 😊

        Liked by 1 persona

      19. 🙂 Io pure scrivo su tutto. Oceano Mare di Baricco ha su almeno 10 mie Poesie. E non l’ho manco letto. Io condivido con piacere, mi sfogo. Da Poesie, a cronache di “Nargna” :p . Deliri irriverenti. Penso che l’umanità non sia pronta per me. Ed io sono ancora in pigiama. 😀

        Liked by 1 persona

      20. Ahahahah !! Io non spiffero nulla, tranquilla ! Oceano Mare… ora è bello …pastrucchiato ! Non so se ce la farò a leggerlo ! Già ti ho detto che rimetterò qui il tasto “like” (sempre che lo trovi. Altrimenti chiedo a Vittorio) e che poi in Primavera estrarrò la mountain dal box. Anche Baricco ? Non me la sento ! Ahahaha ! 🙂

        Mi piace

  2. caspita non si può aggiungere niente a questa presentazione, è la perfetta rappresentazione dell’imperfetto come sinonimo di normalità…. (uhm, ho appena riletto, forse devo cambiare farmaci, ma ormai non voglio perdere l’occasione di scrivere una tale assurdità con barlumi di verità!)

    Mi piace

  3. Ciao fabio potresti x favore invitare Vittorio di Esserci sempre2.0 blog a scrivere con noi in sette cervellu in cerca d’autore?

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...